News

Mani e Menti

Due giorni di mostra mercato di artigianato ligure di qualità nel centro storico di Bolano con la possibilità di gustare tipicità gastronomiche del territorio.

15 settembre 2017
Sabato 30 Settembre e Domenica 1° Ottobre dalle 11.00 alle 20.00 il piccolo centro storico di Bolano sarà animato dall’evento organizzato dalla CNA della Spezia con il patrocinio del Comune di Bolano e di Regione Liguria. Un appuntamento adatto a famiglie e bambini grazie al borgo di giochi con laboratori e creatività a cura dell'Associazione Borgo Incantato. Parteciperà anche l’associazione Antichi Mestieri Equi Terme.

“Uno degli obiettivi della Confederazione Nazionale dell’Artigianato è quella di far sì che le imprese artigiane si rafforzino e crescano, - spiega Giuliana Vatteroni coordinatrice provinciale CNA La Spezia, - affinché ciò sia possibile è indispensabile che non si perda la professionalità esistente e non si smarriscano i mestieri artigiani tradizionali che hanno fatto e ancora fanno la differenza tra Made in Italy e altre produzioni”.

Da questa volontà nasce “Mani e Menti”: per mettere a fuoco e rinnovare nella memoria della collettività come il connubio “saper fare e saper usare la propria conoscenza” sia stata la base e la fortuna del nostro artigianato. La storia delle mani per le menti di domani sarà il filo conduttore dell’evento che porta i laboratori e mestieri artigiani in vetrina, non come prodotti ma come abilità.

Il centro storico di Bolano con la sua tipica cornice di borgo ligure è uno spazio ideale. Organizzare un evento in un piccolo Comune fa parte della volontà di incentivare la conoscenza e la visita dei centri storici dell’entroterra ligure. Artigianato e turismo sostenibile sono un connubio ideale ed un fondamentale aspetto su cui puntare per la valorizzazione territoriale.

Durante l’iniziativa l’associazione Borgo Incantato offrirà un ricco programma di proposte per i più piccoli con giochi, laboratori e creatività. Ad impreziosire la mostra mercato ci saranno gli Antichi Mestieri di Equi Terme con la rivisitazione storica dei mestieri artigiani: fabbri, cestai, impagliatori, orafi e ricamatrici.

“Un tuffo nel passato per pensare al presente. Un’occasione di svago che vuol far riflettere sul valore dell’artigianato. - Conclude Vatteroni. - Siamo di fronte al rischio di una drammatica perdita di esperienza e tradizione, l’unico rimedio è la consapevolezza del consumatore e la valorizzazione delle qualità della produzione artigiana. Un percorso avviato da Regione Liguria tramite il marchio “Artigiani in Liguria” che certifica operatori artigianali che hanno aderito a criteri di qualità e di eccellenza all’interno delle proprie aree di competenza. Il rispetto delle Disciplinari di Produzione per la conformità del processo delle lavorazioni artigiane è infatti alla base dell’appartenenza delle aziende al Marchio. Sono 19 i marchi di tipicità che vanno dalle sedie di Chiavari, ai damaschi di Lorsica al vetro artigianale, ardesia della Val Fontanabuona. L’arte orafa, ceramica, cioccolato, ferro battuto, gelateria, panificazione, pasta fresca, restauro, moda e accessori, lavorazioni in pelle, ecc. tutte realtà che anche grazie alle attività di CNA si affermano e ricevono linfa vitale per espandere le proprie attività”.

Pagina generata in 0.23576688766479 secondi